Sa limb’ ‘e onzi popul’ est madrěghe
de sa zente erčntzia soberŕna,
sos sčculos trazŕd’ a ňe  nde l’ hana
ěnnida che rattu ‘e calarěghe;
biancos, grňgos o nieddos chei su pighe
han a bantu s’ issňr’ istěga arcŕna.

Cuddos mčres chi faghene sa gherra
cun mitras e fusiles isparende,
umpŕre revudŕmus ritmende
cun sonos de launeddas e chiterra,
gai su sole ch’ iscaldit custa terra
hat ispčras chi semus mezorende.

Sigat sa Pro-loco cust’ eventu
cun trumbas e violinos a cunsňnu,
meloděas, chi lňmpen a s’ indňnu,
da-i  s’ iscůrridu, eredŕdu apentu,
chi recůin, trazŕdas da-i su ‘entu,
da-i giŕjos nostros:- Sa ‘oghe…Su sonu.

Si suppčsat su cor’ a iscultŕre
custos bčrbos e nd’ hat bonu recrču,
da-i tott’ hana perŕulas de granzču
cuddos, ch’ in palcu, pigan’ a cantŕre,
onzi razza nos chčret contasciŕre
iscůrridos  de chčrtos e de annču.

A tottu ‘ois, cun  bostros fačddos,
chi jňmpen da-i mizas e miz’ annos,
recuědos pro ‘ucca  ‘e  ‘onnosmannos
a sos babbos,  posca a sos pisčddos
documentos de  pelčas e iscameddos
de s’ antigňriu penas e affannos.

Apprňdu de musica e amistŕde,
sčmper sighěde custos ammanězos
a manu-tenta, su sorrěs’ in chězos,
onzi pňpulu cun felicidŕde
istrŕnzos de sa nostra sardidŕde,
retzědelos cun mŕttulos de lizos.


Ithiri, Jstěu  duamiza e sette  
                                      
La lingua di ogni popolo č il lievito
della sua stirpe suprema,
nei secoli  trasportata sino ad oggi
integra come un ramo di biancospino;
che siano bianchi, gialli o neri
ognuno č fiero della sua stirpe arcana.

Quei padroni che fanno la guerra
sparando con mitra e fucili,
noi insieme, li rifiutiamo ritmando
con suoni di launeddas e di chitarra,
cosi il sole, che dall’ alto ci riscalda
si accorge che stiamo migliorando.

Continui la Pro-loco questa manifestazione
con accordi di trombe e violini
e meloděe che ci arrivano gratuitamente
dal passato, ereditate per il nostro diletto,
che ci vengono trasportate dal vento,
la voce e la musica dei nostri avi.

Si innalza il cuore ad  ascoltare
queste parole che ci danno grande gioia
e vengono da tutti applauditi,
gli artisti che salgono sul palco a cantare,
ed ogni etněa  vuole raccontare all’ altra,
le lotte e i patimenti del  suo passato.

A tutti voi, con i vostri dialetti,
che arrivano da migliaia di anni fa,
tramandati a voce dai nonni
ai babbi e da questi ai nipoti,
documentano le grane e le difficoltŕ
delle loro antiche pene e affanni.

Appuntamento di musica e amicizia,
continuate sempre ad organizzarlo,
mano nella mano, il sorriso in fronte,
tutti i popoli siano felicemente
ospiti della nostra sarditŕ
e riceveteli con mazzi di fiori.(gigli)


Ittiri, Estate 2007
“ Ithirětmende “
Traduzione
Romanu  Adriani  Lay